iPhone falsi: chiusa fabbrica ed arrestati dirigenti

0
57

Fabbrica di iPhone falsi in Cina chiusa dalla polizia

Nella periferia di Pechino, capitale della Cina, la polizia locale ha scoperto una fabbrica di iPhone falsi e ha provveduto a chiuderla, arrestando nove persone ritenute colpevoli di aver gestito un traffico illegale di device falsificati.

La fabbrica, gestita da una coppia di mezza età, secondo i dati raccolti dalla polizia cinese avrebbe venduto oltre quarantamila iPhone falsi, i quali avrebbero fruttato un fatturato di oltre 17 milioni di euro.

Gli iPhone falsi venduti erano in realtà device di bassa qualità, trasformati esternamente in iPhone ed in grado di ingannare gli acquirenti. Non è la prima volta che in Cina la polizia locale scopre e blocca il commercio di oggetti contraffatti e soprattutto non è la prima volta che la contraffazione riguarda device tecnologici della Apple.

In Cina si sta lavorando all’introduzione di regole più rigide in materia di contraffazione e si stanno proponendo pene più severe per chi cerca di fare affari con il commercio illegale.