Leucemia: Tornano in piazza le Stelle di Natale AIL, dal 5 all’8 dicembre 2015

0
80
Leucemia Tornano in piazza le Stelle di Natale AIL dal 5 all 8 dicembre 2015
Dal 5 all'8 dicembre 2015, in più di 4000 piazze italiane, tornano le Stelle di Natale Ail, appuntamento benefico dell'Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma.

Dal 5 all’8 dicembre 2015, in più di 4000 piazze italiane, tornano le Stelle di Natale Ail, appuntamento benefico dell’Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma.

Si rinnova il tradizionale appuntamento di solidarietà promosso dall’AIL e posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Dal 5 all’8 dicembre, infatti, tornano le Stelle di Natale in più di 4000 piazze italiane.

L’associazione, che organizza la vendita delle stelle di Natale da ben 26 edizioni, opera la lotta contro le leucemie, i linfomi e il mieloma.

E’ possibile acquistare per soli 12 € la Stella di Natale presso i punti di ritrovo dei volontari Ail, che saranno tra il 5 e l’8 dicembre 20015 in moltissime piazze d’Italia. Inoltre, dal 1/o al 10 dicembre sarà inoltre attivo il numero solidale 45507 per donare da rete fissa e mobile.
Da sabato 28 a lunedì 30 novembre 2015, in tutti i campi della Serie A, verrà esposto uno striscione con lo slogan ‘AIL in campo contro le Leucemie’, la terna arbitrale indosserà una maglia dell’Associazione e i tabelloni luminosi degli stadi diffonderanno il messaggio della campagna.

La Lega Serie A e l’Associazione Italiana Arbitri, in occasione della manifestazione Stelle di Natale AIL, hanno deciso di dedicare la 14a giornata di campionato alla lotta contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma, con una campagna di sensibilizzazione negli stadi.

L’iniziativa ha permesso negli anni di raccogliere significativi fondi destinati al finanziamento di progetti di ricerca scientifica e di assistenza sanitaria ed ha contribuito a far conoscere i progressi nel trattamento dei tumori del sangue.
Grazie al contributo dei sostenitori, l’Ail riesce a finanziare le Case alloggio (strutture situate nei pressi dei principali Centri Ematologici italiani, che accolgono i malati e i loro familiari), sostenere la Ricerca attraverso il GIMEMA, potenziare il servizio di Assistenza Domiciliare, supportare, promuovere la formazione e l’aggiornamento professionale.