Spavento per Enrico Mentana: malore durante il TG LA 7

0
56
Spavento per Enrico Mentana malore durante il TG LA 7
Enrico Mentana in diretta durante il TG LA 7 rimane senza fiato ed è costretto a saltare i titoli. Preoccupazione per i fan.

Enrico Mentana in diretta durante il TG LA 7 rimane senza fiato ed è costretto a saltare i titoli. Preoccupazione per i fan.

Durante l’edizione del TG LA7, dello scorso 14 gennaio 2015, Enrico Mentana ha accusato un malore. Il direttore del telegiornale, come di consueto stava lanciando l’edizione delle ore 20,00 del programma d’informazione, quando mentre leggeva i titoli di apertura ha avuto un brusco calo di voce. Enrico Mentana aveva sempre più la voce con un tono molto basso e non riusciva ad andare avanti con la lettura dei titoli. Con voce spezzata, il noto conduttore ha esclamato: “Niente titoli andiamo direttamente al giornale”.

Enrico Mentana ha ripreso, da professionista, il suo lavoro, rivolgendosi ai telespettatori così: “Buonasera, il problema della voce, la questione dell’Indonesia, la questione di quello che è successo a Giocarta, vediamo subito”. Il conduttore è riuscito anche a ironizzare sulla situazione, dato che nel lasso di tempo nel quale voleva lanciare il primo servizio di cronaca, la regia non si è fatta trovare pronta per la messa in onda. A questo punto, sorridendo, Enrico Mentana ha esclamato: “Io sto meglio, il servizio no”.

Non è la prima volta che Enrico Mentana ha questi tipi di disturbi durante le dirette del telegiornale. Molti sono i fan preoccupati per questa situazione e proprio per questo motivo che Enrico Mentana ha deciso di intervenire sulla questione sulla sua pagina ufficiale Facebook: “Puoi fare tg bellissimi o bruttissimi, intervistare Grillo dopo decenni o toppare una notizia, fare dirette di dieci ore o mancare il momento di una fumata bianca. Ma nell’era del web spopoli solo se ti manca la luce in studio o se perdi il fiato durante i titoli. Come quella trasmissione sul potere in Italia, passata sui social solo per una definitiva litigata con Ferrara”.