Google è finito nel mirino dell’Antitrust

0
79

La commissione Europea potrebbe multare Google da un momento all’alto. Il motivo? Abbastanza grave: sarebbe la concorrenza sleale la motivazione per cui Google è finito sotto gli occhi della commissione. E riguarderebbe proprio Android, il sistema operativo elaborato dall’azienda di Mountain View. Google non ha reso per il momento alcun commento su quella che potrebbe diventare una faccenda scottante, a qualche giorno di distanza dalla sentenza che ha condannato la Apple a pagare 450 milioni di dollari per aver provato a tagliare Amazon fuori dal mercato degli eBook.

Per ora nessuna fuga di notizie sul caso né da Google né dalla Commissione Europea. Si sa solamente che quest’indagine è stata aperta circa un anno fa, nell’aprile del 2015, e che è stata aperta proprio per un reclamo di Nokia, Microsoft ed Expedia, assieme ad altre quattordici aziende del settore. L’accusa sarebbe che Google avrebbe usato la propria posizione dominante sul sistema operativo Android per ottenere dei vantaggi sleali, tentando di monopolizzare il mercato e tentando anche di ottenere i dati dei consumatori.

Il commissario dell’antitrust, Margrethe Vestager, ha preso in mano il caso ed ha incontrato in febbraio il CEO di Google. Ma sembra che nulla possa servire all’azienda americana per evitare eventuali multe.