Spotify, dati utenti sotto attacco

0
63

Gli account del sito Spotify, uno dei più noti per ascoltare la musica in streaming, potrebbero essere stati violati da alcuni hacker.

In rete, infatti, sarebbero stati ritrovati i dati di molti utenti, centinaia secondo il sito TechCrunch che ha diffuso per primo la notizia. Dati sensibili come Paese di provenienza, nome e cognome, tipo di utenza e mail sono stati diffusi online, violando in questo modo la privacy degli utenti. Fra i dati diffusi vi sarebbero persino le password. Dal canto suo, Spotify sostiene che non vi è stata alcuna violazione dei dati degli utenti e che è tutto al sicuro.

Se la notizia si rivelasse vera, non sarebbe certamente la prima volta che Spotify viene violato: nel 2014 infatti si era verificato un fatto di questo tipo.

Alcuni utenti del servizio di musica streaming hanno detto che i loro account presentano delle variazioni non fatte da loro, musiche aggiunte, e che alcuni sono stati anche “gettati fuori” dal servizio mentre ascoltavano la musica online.

Il sito dove sarebbero comparsi i dati hackerati degli utenti del servizio sarebbe Pastebin. Oggi come oggi Spotify conta almeno 30 milioni di utenti paganti e un simile attacco potrebbe condizionare seriamente la permanenza di alcuni di loro sul servizio.