OpenStreetMap, mappe libere per tutti

0
54

Quello di OpenStreetMap è un ambizioso progetto nato nel lontano 2004, ma che sta avendo un largo incremento della propria community negli ultimi tempi.
Si tratta di un sistema di mappe che sarà gratuito e disponibile a chiunque per qualsiasi scopo, sia alle università, ai comuni ma anche per uso personale, ed è ambizioso, perché ha intenzione di sfidare Google e Apple.

OpenStreetMap si impegna molto anche a creare mappe dettagliate per zone di paesi poveri o che hanno subito catastrofi naturali, il che si è già rivelato di grande utilità ai soccorritori, che hanno usufruito di questo servizio per appunto per soccorrere gli sfollati.

SI tratta di un progetto fortemente legato a Wikipedia (anch’essa libera e aperta a tutti i contributori e non), che nel 2009 (5 anni dopo l’inizio) contava 100mila utenti, e dopo tanti anni è arrivato all’incredibile cifra di 3 milioni di contributori, ed i dati archiviati nei loro server sono altrettanto stupefacenti, ovvero 48 GB.

La cifra al giorno d’oggi potrebbe non stupire, ma bisogna tener conto che si tratta di poco meno di 50 GB di mappe, che in genere occupano poco spazio.
Anche l’Italia si fa sentire in questo progetto, e nasce OpenStreetMap Italia, che si occupa di creare mappe per i piccoli comuni italiani che spesso non vengono segnalati nelle mappe tradizionali.