Vittorio Sgarbi se la prende con un vezzo di Laura Boldrini

0
92

 

Il vezzo di Laura Boldrini di mettere tutto al femminile, anche le parole che non si dovrebbero, fa infuriare Vittorio Sgarbi “Basta parole al femminile, anche Napolitano ha detto che i suoi neologismi sono abominevoli! E si dice capra, non capro!”

GOSSIP-Stavolta Vittorio Sgarbi, il critico d’arte conosciuto per i suoi giudizi violenti, se la prende con Laura Boldrini e con il suo vizio di mettere al femminile, per par condicio, quelle parole che la lingua italiana ha voluto maschili.

E lo fa in un video pubblicato su Facebook, dove va dritto al sodo e senza girarci attorno più di tanto alla questione “Sindaca, prefetta, ministra, non se ne può più!” attacca. Non manca inoltre di fare un elogio a Giorgio Napolitano, che ha giudicato abominevoli quei neologismi.

Vittorio Sgarbi contro Laura Boldrini “Si dice capra, non capro!”

Vittorio Sgarbi, continuando il suo intervento, ha rigirato il vizio della Boldrini contro di lei, usandolo anche per prenderla in giro “Cara presidenta Boldrina, sia precisa. Ci dica se è lei a fare le regole della grammatica e a stabilire se si dice ministro o ministra. Perché lei non si chiama presidentessa?”

“Napolitano ha detto una cosa semplice: che i ruoli prescindono dai sessi, che non si applicano ai sessi, che sono persone ma che essendo di genere femminile non diventano femminili, un persono. È una zucca vuota, una capra! Non un capro!”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here